Le cover più belle di Moschino

cover-moschinoOggi abbiamo pensato di parlare di accessori audio e video per smartphone e più precisamente vogliamo parlare di tutte le splendide cover presentate dal marchio di moda Moschino in questi ultimi anni.

Le loro cover per il mondo della telefonia, difatti, sono sempre molto particolari e sono sicuramente adatte per tutte quelle business women che desiderano distinguersi dalla massa con qualcosa di assai originale e prezioso.

Iniziamo parlando proprio dell’ultima cover che è stata presentata dal marchio Moschino e che ha già riscosso un discreto successo: si tratta dell’ultima che vedete nell’immagine, quella che riprende proprio le sembianze di un tipico spray puliscivetri che, peraltro, riprende proprio la sagoma della fragranza che è stata lanciata durante quest’estate 2016.

Che cosa, dire, poi delle cover di animali? Troviamo oche, ranocchio, panda, mucche ed orsetti che possono rendere davvero simpatico il nostro iPhone in men che non si dica. Moschino, però, non si è tirato indietro neppure per rappresentare cibo sotto forma di cover per cellulare: a tal proposito, difatti, troviamo le patatine fritte, il ghiacciolo e l’invitante gelato.

Per le pink addiction, invece, c’è anche lo splendido specchio rosa, con tanto di impugnatura dove è stato riportato il logo, e che potrete utilizzare per guardare meglio il vostro smartphone.

Ad ogni modo, Moschino accontenta anche tutte quelle donne che sono rimaste un po’ bimbe nell’animo – nonostante lavorino e portano avanti un’azienda – con personaggi come Titti e Sponge Bob. Infine, i più tradizionalisti potranno optare per la cover tradizionale con la scritta Moschino, semplice ma comunque d’impatto.

Non vi resta che scegliere la cover per il vostro iPhone in un negozio di prodotti audio e tecnologici, così da scovare quella che più si addice al vostro stile ed al vostro look lavorativo.  Pronti a scegliere la cover più bella per il vostro smarphone?

Le cover più belle di Moschinoultima modifica: 2016-07-17T17:42:10+02:00da edoardocaccamo
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento